esperti di sorveglianza trovano nuova rotta per l’influenza aviaria (2003)

Riferimento

Prima del 1997, l’influenza RS Researche credevano che aviaria virus dell’influenza A non potevano infettare direttamente gli esseri umani. Per un virus dell’influenza aviaria ad infettare un essere umano, gli scienziati pensavano che sarebbe necessario prima di passare attraverso un altro animale, in particolare uno che può essere infettato da entrambi uccelli e ceppi influenzali umani, come un maiale. I geni da un ceppo di uccelli sarebbero combinare con i geni da un ceppo umano, e un nuovo ceppo potrebbero sviluppare, questo potenzialmente infettivi per le persone. Dopo il 1997, l’anno in cui 18 persone a Hong Kong sono stati infettati con il ceppo influenzale H5N1, il pollo è stato trovato a servire come un animale intermedio pure.

Ora i ricercatori theernment supportati da Robert G. Webster, Ph.D., del Ospedale dei Bambini St. Jude, Memphis, Tennessee, e Kennedy F. Shortridge, Ph.D., e Yi Guan, Ph.D., dell’Università di Hong Kong hanno scoperto un nuovo percorso che un virus dell’influenza aviaria può assumere. I ricercatori hanno monitorato uccelli in mercati live-pollame in Cina dal luglio 2000. Determinando quanti uccelli sono infettati con virus influenzali e quali ceppi virali stanno portando, gli scienziati sono alla ricerca di indizi nel fonte della prossima possibile pandemia.

Tra le altre cose, DRS. Webster, Shortridge, Guan, ed i loro colleghi hanno scoperto che segmenti di geni di virus influenzali H9N2 in anatre avevano subito molti cambiamenti, con alcune nuove combinazioni di codifica per gli antigeni che potrebbero infettare gli esseri umani. Essi hanno concluso che il virus H9N2 è stato trasmesso da una papera di un pollo, di nuovo ad un anatra, con gli antigeni umani-infettare per il lungo viaggio. In questo modo, non solo un ceppo influenzale passare direttamente da una papera ad un essere umano, ma l’elevato grado di assortimento gene dentro l’anatra aumenta la probabilità che un nuovo ceppo si svilupperà che sarà trasmissibile da una persona all’altra.

Li KS et al. Caratterizzazione di H9 virus sottotipo dell’influenza delle anatre della Cina meridionale: Un candidato per la prossima pandemia di influenza negli esseri umani? J Virol. 77 (12): 6988-94. DOI: 10,1128 / JVI.77.12.6988-6994.2003 (2003).